Contestualizzare il passato nei Colli Albani: Ville, tombe e spazi sacri tra il XII e il XVIII miglio dell'Antica Via Appia

Research output: Contribution to book/anthology/report/proceedingArticle in proceedingsResearchpeer-review

Questo contributo presenta obiettivi e metodi di un progetto internazionale recentemente iniziato. Esso si concentra dal punto di vista territoriale sui Colli Albani, e più specificatamente sul tratto tra il XII e il XVIII miglio della via Appia
nel periodo compreso tra il IV secolo a.C. ed il IV secolo d.C. Scopo del progetto è analizzare le interconnessioni sociali, religiose e spaziali e comprendere come le dinamiche umane interagiscano con le strutture religiose e residenziali. Tra
queste strutture sono comprese ville e tombe allineate lungo la strada così come luoghi di culto. L’articolo presenta, inoltre, le attività che il gruppo di ricerca ha condotto tra maggio e settembre 2017. Queste includono le attività di rilievo e prospezione geofisica presso la cosiddetta Villa di Clodio in località S. Caterina di Castel Gandolfo; la campagna topografica lungo il XII miglio della via Appia; l’inizio dello studio della collezione di antichità Vito Volterra.
Original languageItalian
Title of host publicationAlle pendici dei Colli Albani : Dinamiche insediative e cultura materiale ai confini con Roma
EditorsAgnese Livia Fischetti, Peter Attema
Number of pages16
Place of publicationGroningen
PublisherUniversity of Groningen
Publication year2019
Pages133-149
Article number10
ISBN (print)9789492444837
Publication statusPublished - 2019
EventBetween Appia and Latina, Settlement Dynamics and Territorial Development on the Slopes of the Alban Hills - Royal Netherlands Institute in Rome, Rom, Italy
Duration: 9 Feb 20179 Feb 2017

Workshop

WorkshopBetween Appia and Latina, Settlement Dynamics and Territorial Development on the Slopes of the Alban Hills
LocationRoyal Netherlands Institute in Rome
LandItaly
ByRom
Periode09/02/201709/02/2017
SeriesGroningen Archaeological Studies
Volume35
ISSN1572-1760

See relations at Aarhus University Citationformats

ID: 174523830